5 settembre 2019 - Rimini, Cronaca

Calcio e razzismo, alla Colonia "Bolognese" la storia di Arpad Weisz

L’allenatore ebreo tra i più vincenti d’Europa, morto ad Auschwitz

E’ stato un confronto attualissimo quello avvenuto ieri sera nella suggestiva 
cornice della  Colonia Bolognese. Un appuntamento organizzato 
nell’ambito del progetto di rigenerazione urbana dell'ex colonia, 
dall’associazione ‘II Palloncino Rosso’, ‘AIC’ Associazione Italiana 
Calciatori e ‘Sportellate’, a cui hanno partecipato Matteo Marani 
giornalista e autore di un libro dedicato all'allenatore ebreo 
ungherese, Daniele Adani, ex calciatore, Luca Zamagni e Gian Luca 
Brasini, presente sia come sportivo che come Assessore allo sport del 
Comune di Rimini.



Si tratta di una tematica ancora attuale nel mondo del calcio che con la 
storia di Arpad Weisz ha aperto una interessante riflessione sui temi 
della lotta al razzismo nello sport.  L’ allenatore ebreo ungherese, 
considerato all'epoca tra i più vincenti d’Europa, che tra il 1935 e il 
1938, fece vincere al Bologna Calcio due scudetti e qualche anno più 
tardi, nel 1944, fu vittima insieme a tutta la sua famiglia degli orrori 
della Shoah, morendo nel 1944, in un campo lavoro di Auschwitz.



“Si tratta di un personaggio unico - ha sottolineato L’Assessore 
Gian Luca Brasini - sia per la vicenda sportiva sia per l’oblio in cui 
lui e la sua famiglia si sono ritrovati. Tutto questo nonostante i successi conseguiti grazie a delle capacità uniche di innovazione che Wiesz aveva portato in quegli anni nei metodi di allenamento.  Credo che la straordinaria ricerca fatta da  Matteo Marani,  per ricucire una storia che nessuno ricordava, sia un gesto di 
grande generosità. Una storia che non c’era più perché era caduta 
nell’oblio, un filo interrotto che adesso è stato riallacciato 
restituendo dignità e memoria ad un’intera famiglia vittima di una follia che non dobbiamo dimenticare.  Arpad Weisz era stato premiato dall’allora primo ministro Benito Mussolini per i successi sportivi e 
l’anno successivo cacciato da nostro paese a cause delle assurde leggi razziali emanate dallo stesso governo nel 1938 .
Ora come in quegli anni lo sport è quotidianamente vittima di atteggiamenti discriminatori e razzisti verso chiunque sia diverso, per disabilità, condizioni sociali e provenienza.  Lo sport invece è l’ambito dove chiunque sia coinvolto attivamente, in particolare i più piccoli, non percepisce queste presunte differenze.  Ma voglio continuare a credere che il movimento sportivo, nella maggioranza dei casi, abbia i fondamentali solidi e che sia capace di produrre gli anticorpi per reagire alla stupidità di pochi. Se mi si chiedesse cosa mi preoccupa maggiormente riguardo al contesto attuale risponderei che non è tanto lo sparuto gruppo di cretini che fa i cori razzisti allo stadio, ma piuttosto le scene quotidiane di genitori che inveiscono, nei campi di periferia, contro gli arbitri o che complottano verso allenatori che non valorizzano sufficientemente i propri figli, ovviamente presunti campioni.
E’ solo creando modelli positivi e isolando queste sacche di assenza di valori che possiamo pensare che lo sport possa essere immune da qualsiasi forma di discriminazione"

Tag: calcio

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.