29 luglio 2019 - Rimini, Cronaca, Cultura

La Giunta approva il Protocollo di intesa per il coordinamento delle celebrazioni del Centenario di Federico Fellini

Previsto un Comitato d'onore e un Comitato organizzativo

Quello approvato in Giunta è un ulteriore passo con cui il Comune di Rimini prosegue il lungo percorso, ricco di appuntamenti, che porterà al 2020, centenario della nascita del regista. Un anniversario che la città di Rimini festeggerà in grande, attraverso  diversi progetti di rilevanza internazionale:  in particolare l’apertura, entro la fine del 2020, del Museo Internazionale Federico Fellini - progetto inserito dal MiBAC tra i progetti nazionali dei beni culturali -ma anche l’allestimento di una mostra che da una prestigiosa sede espositiva nazionale sarà poi veicolata attraverso diversi appuntamenti  all’estero.

Per coordinare le diverse iniziative, il Comune di Rimini ha promosso e predisposto un protocollo di intesa con diverse Istituzioni locali e nazionali, con le quali ha condiviso un programma qualificato di iniziative per la conoscenza e la divulgazione dell’opera di Federico Fellini. Il comune denominatore delle diverse Istituzioni firmatarie del Protocollo di intesa è la presenza, nelle loro finalità istituzionali, di attività di studio,  conservazione,  conoscenza,  e valorizzazione e divulgazione dell’opera di Federico Fellini.

Nello stesso protocollo è prevista la formalizzazione di un Comitato d’onore e di uno organizzativo, con l’obiettivo di coordinare e definire un calendario ampio, articolato e qualificato delle celebrazioni che sarà composto sia dalle iniziative e dalle manifestazioni realizzate dai soggetti firmatari, sia dalle manifestazioni, dalle iniziative e dai progetti di altri soggetti pubblici e privati che otterranno il marchio-logo delle celebrazioni che sarà adottato dal Comitato stesso. Logo, Comitato ed iniziative che saranno rese note prossimamente,  in un momento dedicato previsto nei prossimi mesi.

I soggetti sottoscrittori del Protocollo di intesa, insieme al Comune di Rimini, sono: la Direzione generale per il Cinema del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac), la Regione Emilia-Romagna, la Direzione generale per la Promozione del sistema paese del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale (Maeci), la Fondazione Cineteca di Bologna, l’Istituto Luce – Cinecittà, la Fondazione Maria Adriana Prolo Museo Nazionale del Cinema di Torino e la Fondazione Centro sperimentale di cinematografia - Cineteca Nazionale.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.