30 aprile 2019 - Rimini, Cronaca

Vaccini e sanzioni, i gruppi per la libertà di scelta regionali contro il sindaco Gnassi

"Persecuzione e violazione del diritto alla segretezza sulle scelte in campo medico"

"Apprendiamo indignati dell’ordinanza firmata da Andrea Gnassi, Sindaco del Comune di Rimini eletto con il sostegno del Partito Democratico, Italia dei Valori e alcune liste civiche, che stabilisce a partire dal 26 aprile fino al 30 giugno "il divieto di accesso agli asili nido comunali e privati e alle scuole d’infanzia comunali, statali e private a tutti i bambini i cui genitori non hanno adempiuto agli obblighi di legge" applicando una sanzione da 25 a 500 euro per ogni giorno di frequenza in violazione del suddetto provvedimento. Ci chiediamo innanzi tutto in virtù di quale inadempienza, tutt’ancora da dimostrare rispetto alla normativa vigente in fatto di vaccinazioni, scattarebbe questo provvedimento.

Evidenziamo l’importanza del diritto dei genitori di prendere decisioni informate in merito alla salute dei propri figli, comprendendo anche l’aspetto delle vaccinazioni obbligatorie senza subire alcun tipo di pressione pertanto, riteniamo l’azione di questo Sindaco una vera persecuzione nei loro confronti e segnaliamo la violazione del diritto alla segretezza sulle proprie scelte in campo medico, così come stabilito dalla legge sulla Privacy.

Altro diritto fondamentale che vogliamo evidenziare è quello all’educazione, compresa quella svolta negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia, in quanto tale diritto non può essere negato a nessuno, tanto meno alle famiglie che si stanno dimostrando particolarmente premurose verso la salute dei propri figli, informandosi ed approfondendo in maniera seria, assieme agli operatori dell’Asl, tutto ciò che concerne le vaccinazioni e le possibili implicazioni di questa pratica medica sulla salute dei propri figli. Considerato il fatto che questa ordinanza andrà a colpire una minima porzione della popolazione riminese, non potrà di certo essere giustificata come salvaguardia per la salute pubblica tanto più che, ad oggi, non risulta

minacciata da nessuna situazione epidemiologica, questo almeno è ciò che si evince dai bollettini di monitoraggio del morbillo diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità. Siamo oltremodo indignati della strumentalizzazione dell'opinione pubblica che il primo cittadino Andrea Gnassi ha adottato, invocando un finto interesse per la comunità e agendo in totale disaccordo con alcuni dei principi della Bioetica di seguito elencati:

• Principio di Autonomia: il paziente ha diritto di rifiutare il trattamento e di prendere parte al

processo decisionale;

• Principio di Non Maleficienza o “primum non nocere”: il personale sanitario non deve causare

danno al paziente.

Pertanto, a nome di tutti i genitori facenti parte dei gruppi informali della Libertà di Scelta e delle associazioni partecipanti, comunichiamo che saremo attivi e presenti nel dare tutto il supporto necessario alle famiglie riminesi che verranno colpite da tale sopruso."

 

GRUPPI E LE ASSOCIAZIONI DELL'EMILIA:

Genitori del No Bologna, Imola, Modena, Ferrara, Parma, Reggio Emilia

Unione Libera Scelta

La Scuola che Accoglie (SCA)

Uniti per la Libertà di Scelta

Renovatio 21

Ader

Tag: sanzioni

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.