29 marzo 2019 - Rimini, Cronaca

Controlli di autobus e autocarri: sanzionati 10 su 12

Durante i controlli congiunti di Polizia locale e Ispettorato del lavoro

Sono stati 16 gli autoarticolati e i bus controllati negli ultimi quattro giorni nel corso di un’azione di controllo congiunta tra Polizia locale di Rimini e funzionari dell’Ispettorato del lavoro. 12 articolati e quattro bus, di cui la metà provenienti da fuori provincia, che hanno portato, a seguito dei controlli effettuati, a elevare 10 sanzioni, tutte riguardanti il mancato rispetto dei tempi di guida. Tra questi uno, in particolare, gravissimo e sanzionato con 900 euro e il ritiro della patente.

“Non lo sapevo” avrebbe detto agli agenti il camionista sorpreso a circolare senza il foglio di registrazione analogico, ovvero il dispositivo cronotachigrafo che consente di registrare in modo autonomo distanza percorsa, velocità, tempo ripartito per periodi di guida e periodi di riposo, apertura e chiusura della custodia contenente il foglio di registrazione. I controlli, che sono stati effettuati sulle tre principali vie d’ingresso e uscita dalla città (via Emilia, statale adriatica e consolare San Marino), proseguiranno nelle medesime modalità nei prossimi giorni, accentrando i controlli, accanto a quelli stradali e grazie alla presenza degli operatori dell’Ispettorato del lavoro, sul rispetto delle norme inerenti la regolarità dei lavoratori.

 

Tag: sanzioni

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.