5 marzo 2019 - Rimini, Cronaca

Polizia municipale: sequestrati 640 giocattoli privi del marchio CE

Nel corso dei controlli a tutela del consumatore; sanzionato con 3000 euro il commerciante

Sono stati 640 i giocattoli sequestrati dalla Polizia municipale di Rimini nel corso di un controllo di polizia amministrativa in un'attività commerciale di vendita all'ingrosso di prodotti non alimentari. Un controllo da cui è emerso come i giocattoli, poi posti sotto sequestro e destinati ai bambini di età superiore ai 36 mesi, non fossero conformi alla normativa vigente in quanto privi della marchiatura CE, il contrassegno grafico che garantisce la conformità europea di un qualsiasi prodotto commercializzato nel suo territorio a garanzia dei requisiti essenziali di sicurezza, di igiene e di tutela del consumatore. Su ogni confezione di giocattoli, infatti, devono essere obbligatoriamente indicate, in lingua italiana, oltre alla marcatura CE (Conformità Europea); il nome del fabbricante o dell'importatore, l'indicazione dell'età del bambino e le avvertenze per l'utilizzo.

Una violazione grave per la quale, a tutela del consumatore finale, il commerciante è stato sanzionato amministrativamente con 3.000 euro e segnalato per i provvedimenti del caso alla Camera di Commercio. Un’attività di controllo che proseguirà con controlli finalizzati programmati alla prevenzione e al contrasto per la tutela del consumatore.

Tag: incendio

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.