4 febbraio 2019 - Rimini, Cronaca

Pubblicità da lavoratori sfruttati

14 stranieri lavoravano per due ditte di distribuzione di pubblicità. Due clandestini, cinque in nero e tre senza permesso di soggiorno

Persone in giro per tutta la provincia di Rimini a bordo di furgoncini per mettere nelle buchette delle lettere fogli con offerte di tutti i tipi. Due società sono finite nel mirino dei Carabinieri delle Compagnie di Rimini e Novafeltria: la ditta individuale di Nasir Abbas Ranjha, pakistano nato nel 1994 e residente a Correggio e la Pbc Servizi Srl di Rimini, con legale rappresentante i romeno Bogdan Popescu, 35 anni.

I militari hanno verificato che dei 14 dipendenti identificati, tra non avevano il permesso di soggiorno valido per lavorare, mentre altri due sono risultati essere clandestini. Altri cinque lavoravano in nero. I due imprenditori sono stai quindi denunciati alal Procura della Repubblica per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e per entrambe le aziende è stata disposta la sospensione dell'attività; la misura è stata revocato daopo il pagamento di 4mila euro, mentre devono ancora essere pagati i 17.750mila euro di multa.

Ma se non lo faranno, toccherà ai colossi della grande distribuzione Butali Spa, Sisma Italia Srl e In's Spa coop Alleanza 3.0 metere in regola - pagando anche gli arretrati - i lavoratori in nero della distribuzione porta a porta. Infatti l'articolo 209 comma 2 del decreto legge n. 276 del 2003 stabilisce che le aziende committenti devono verificare la regolarità dei servizi esternalizzati.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.