5 dicembre 2018 - Rimini, Cronaca

Stadio Romeo Neri, approvato intervento per posto ristoro e di biglietteria a servizio dei tifosi delle squadre ospiti

Costo circa 40mila euro

Un nuovo intervento, con cui saranno  realizzati sia il punto di ristoro che una biglietteria al servizio dei tifosi delle squadre ospiti è stato approvato nella sua fase esecutiva dalla Giunta comunale nel corso dell’ultima seduta.

Con questo intervento dal costo di circa 40.000 euro il Comune di Rimini prosegue nell’opera di riqualificazione dell’intera struttura del proprio stadio comunale che, proprio nella scorsa estate, è stato oggetto, di alcuni interventi di riqualificazione che da una parte hanno ottemperato alle prescrizioni della Lega Pro per la disputa del relativo campionato calcistico per la stagione agonistica 2018/2019, dall’altra hanno migliorato le misure di sicurezza da adottare durante le manifestazioni sportive.

Oltre al miglioramento della funzionalità dell’impianto sportivo principe della città, è in questa ottica che si inserisce la realizzazione di due punti di distribuzione bevande ed alimenti pronti a servizio delle due “curve” per i tifosi locali ed ospiti, così da ottimizzare la gestione delle tifoserie anche riguardo al tema della sicurezza e dell’ordine pubblico. Oltre a ciò con questo intervento si provvederà alla realizzazione di un box biglietteria per i tifosi ospiti, aggettante su Via Sartoni e in immediata prossimità dell'ingresso relativo.

Quello approvato è solo l’ultimo in ordine di tempo degli interventi per il miglioramento della struttura che ha visto nel corso degli ultimi tre anni una serie di lavori, ed è stato grazie agli investimenti fatti che lo stadio Romeo Neri risulta essere la struttura sportiva più frequentata dalla città. Interventi che vanno dalla posa del nuovo campo da calcio in sintetico, alla manutenzione degli spogliatoi e alla rinnovata pista di atletica (8 corsie per una spesa di  600.000 euro) inaugurata nel 2016, o il restauro della Tribuna storica, o all’intervento di manutenzione straordinaria e di ammodernamento dei servizi igienici del settore distinti, o al recente intervento concluso prima dell’inizio del campionato peril rifacimento della copertura della tribuna che si affaccia su Piazzale del Popolo oltre agli interventi di messa a punto del campo, dell’illuminazione e della revisione dell’impianto di videosorveglianza.

La costruzione dell’impianto sportivo, che prese il posto dell'ippodromo Flaminio, iniziò nel gennaio 1933 su progetto del geometra Giuseppe Maioli, per poi concludersi nelnovembre del 1934. In questa fase furono realizzati il velodromo in cemento e tre grandi tribune in cemento armato separate tra loro (di cui la centrale coperta), per un totale di 4.000 posti, al di sotto erano sale per palestra, pugilato e ginnastica. All'interno del muro perimetrale furono realizzati il campo da calcio e campo da tennis. La struttura, che fu chiamata inizialmente "Stadio del Littorio", venne intitolata al ginnasta Romeo Neri dopo la sua morte, avvenuta nel 1961. Tra i lavori di ampliamento più significativi che hanno interessato nel corso degli anni le tribune originarie del 1933, si ricordano quelli eseguiti negli anni Settanta, con la realizzazione di tribune di raccordo tra le tre esistenti, per ottenere un’unica tribuna senza soluzione di continuità.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.