26 settembre 2018 - Rimini, Cronaca

Zanza, il "re dei vitelloni", morto durante un amplesso

E' stata la ragazza con cui si accompagnava a chiamare i soccorsi

E' morto come ha sempre vissuto Zanza, soprannome di Maurizio Zanfanti, 63 anni, notissimo in Riviera per le sue conquiste tra le donne, soprattutto straniere. Quello che è stato soprannominato il "re dei vitelloni" romagnoli, a causa delle sua fama di seduttore, è morto tra le braccia di una donna nella notte tra martedì e mercoledì, colto da un maore fulminante.

Secondo quanto riporta la stampa locale Zanfanti si trovava appartato in via Pradella, dove possedeva un terreno, in compagnia di un ventireenne dell'est Europa, ed era impegnato in auto in un rapporto intimo quando il malore lo ha colto all'improvviso.

I sanitari giunti cpn l'ambulanza del 118, chiamata dalla stessa ragazza che era in sua compagnia, avrebbero cercato di rianimarlo, ma il cuore aveva smesso di battere e hanno dovuto constatare il decesso. Ora spetta alle forze dell'ordine fare gli accertamenti necessari.

Zanfanti era notissimo in Riviera. Persino il giornale tedesco Bild aveva dedicato un servizio a colui era diventato noto per diffondere l'amore latino tra le straniere che, negli anni Settanta, gli anni boom del turismo, arrivavano a Rimini. 

Zanzani aveva dichiarato di aver avuto relazioni con migliaia di ragazze straniere raggiungendo, sempre a suo dire, una media 150-170 conquiste a stagione.

Nel 2015 in un'intervista a Il Resto del Carlino aveva dichiarato: "Penso di aver fatto più promozione turistica io per Rimini di cento agenzie".

 

 

 

 

Tag: Zanza

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.