29 marzo 2018 - Rimini, Società

Valmarecchia e Valconca alla ricerca del “brand”

La parola ai cittadini: in partenza 6 laboratori tematici per definire la promozione turistica unitaria delle due Valli

Novafeltria – “Siamo alla ricerca storie!” Questo è lo slogan con il quale il GAL Valli Marecchia e Conca avvia una vera e propria chiamata pubblica per la raccolta di nuove informazioni sul territorio. L’iniziativa si colloca all’interno del percorso partecipato che il GAL sta promuovendo per definire le caratteristiche identitarie del territorio, che porterà alla creazione di un brand utile alla promozione turistica unitaria delle due Valli in Italia e all’estero.

 

Laboratori per costuire le Mappe di comunità

Sono 6 i laboratori previsti in Valmarecchia e Valconca, ai quali possono partecipare tutti i cittadini che vorranno contribuire alla costruzione di una nuova mappa, dove a fianco delle strade e dei sentieri, dei monumenti, dei fiumi e dei paesi, si potranno inserire esperienze, racconti ed emozioni. Sono le cosiddette “Mappe del vissuto” o “Mappe di comunità” - costruite con gli abitanti, per rappresentare lo spazio vissuto attraverso tecniche non formali e creative.

Ognuno è invitato a partecipare, a partire dal 4 aprile a Pennabilli, presso il Museo Naturalistico del Parco Sasso Simone, per poi continuare a Novafeltria il 5 aprile presso il ridotto del Teatro Sociale e il 6 aprile a Torriana, presso la palestra della scuola elementare di via Roma. In Valconca invece i laboratori si terranno il 16 aprile a Mondaino, presso L’Arboreto, a Coriano il 17 aprile presso il Centro Giovani di via Piane e a Morciano di Romagna il 18 aprile, presso la sala del lavatoio.

Tutti gli incontri si terranno alle 20.30 e saranno facilitati della Fondazione Ecosistemi, l’organizzazione specializzata in strategie di territorio risultata vincitrice della gara per la realizzazione del percorso partecipato.

 

Il paesaggio come prodotto sociale

Il percorso è in linea con l’idea di paesaggio promossa dalla Convenzione Europea del 2001, che lo definisce come “quella porzione di territorio così come percepita dagli abitanti che lo vivono”. Paesaggio considerato dunque non solo nelle sue vedute e nelle sue morfologie ma bensì come prodotto sociale, frutto dell’interazione millenaria tra uomo e natura. Ma soprattutto paesaggio inteso come concetto culturale, che si amplifica grazie alla dimensione percettiva e che accetta visioni diversificate. Lo stesso paesaggio che diventa portatore di significati diversi senza perdere il suo ruolo aggregatore di chi in quel paesaggio si riconosce.

Il risultato del percorso sarà una vera e propria mappatura di informazioni che non sono presenti nelle guide turistiche, che uniscono ai dati cartografici gli aneddoti, le tradizioni, i fatti storici, le leggende, i personaggi, le ricette e tutto ciò che può evidenziare la complessa stratigrafia culturale delle due valli riminesi. Sarà un racconto corale e visivo di quello che il territorio rappresenta per gli abitanti, un modo per raccontarsi e riconoscersi all’interno di una comunità sempre più ampia, e per raccontare il territorio stesso a chi proviene da altre terre.

Una proposta che il GAL fa al territorio, nella convinzione che, oltre a supportare aziende, enti pubblici e privati sia necessario tenere sempre vivo un dibattito sui temi che il territorio stesso ha scelto come chiave della strategia di sviluppo locale: paesaggio, sostenibilità, biodiversità - e che intorno a questo dibattito si possa costruire una rete di cittadini, associazioni e realtà che hanno a cuore il proprio territorio e la sua valorizzazione.

 

Ogni informazione aggiuntiva è disponibile al sito www.vallimarecchiaeconca.it, dal quale è possibile conoscere tutte le attività del GAL, compresi i bandi aperti in questo momento (“Creazione di strutture ricettive e all’aria aperta - Op. 19.2.02.08”, “Investimenti in Imprese Agroindustriali - Op. 19.2.01, “Strutture per servizi pubblici – Op. 19.02.01”), iscriversi alla newsletter per rimanere sempre aggiornati e collegarsi ai canali social, in particolare con la pagina Facebook che presenta una galleria di immagini inedite del territorio.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.