7 dicembre 2017 - Rimini, Società

Servizi educativi per l'infanzia: approvati i nuovi criteri e le modalità di accesso

Attenzione a minori con fragilità, nuclei famigliari in difficoltà e con attività lavorative precarie. Obbligatoria la copertura vaccinale

Minori con fragilità, nuclei famigliari in difficoltà e attività lavorative precarie, questi i criteri di priorità voluti dalla Giunta del Comune di Rimini nell'individuare i criteri, le modalità e le condizioni di accesso ai servizi educativi per l'infanzia per l'anno scolastico 2018/2019.

Si conferma il recepimento dell'obbligo vaccinale e si rinforza la priorità di accesso sia per i minori con handicap certificato sia per chi si trova in situazione di grave disagio familiare ed è seguito dal servizio tutela minori; confermata inoltre l'equiparazione dei punteggi tra lavoratori dipendenti ed autonomi. La vera novità è quella del punteggio assegnato ai nuclei incompleti, ovvero ai minori che vivono con un genitore assente per separazione e divorzio, anche per compensare il punteggio del genitore “mancante”, una casistica sempre più frequente nello scenario famigliare riminese.

 

Si ricorda che l'accesso ai servizi ai nidi comunali per l'infanzia è riservata ai minori dai 3 ai 32 mesi residenti nel Comune di Rimini o in affido a famiglie residenti sul territorio comunale. L'accesso alle scuole di infanzia è invece riservata a bambini dai 3 ai 5 anni, il cui inserimento sarà diviso nelle fasce piccoli, medi e grandi, con la presenza in alcuni plessi di classi miste.Il Comune di Rimini gestisce attualmente 11 nidi e 17 scuole per l’infanzia con una capienza rispettivamente di 508 bambini ( nido ) e 1.218 ( scuola infanzia ), dando una risposta sostanziale alla domanda territoriale

 

“Un sistema integrato – è il commento dell'assessore ai Servizi educativi del Comune di Rimini, Mattia Morolli – che permette di dare una risposta sostanziale alla domanda del territorio. I criteri di accesso stabiliti confermano l'attenzione prioritaria verso i minori e le famiglie più in difficoltà, per le quali sono previste anche sostegni di welfare. Grazie ad una lettura più dinamica e puntuale della composizione della nostra comunità locale abbiamo confermato l'equiparazione tra dipendenti ed autonomi inserita l'anno scorso, che permette a tanti nuclei famigliari – soprattutto formati da giovani coppie ma non solo - con lavori part time o a tempo determinato – una categoria in crescita – di avere gli stessi punteggi dei lavoratori a tempo indeterminato. Una lettura che quest'anno inserisce una particolare attenzione, tra gli altri, ai figli di coppie separate o divorziate.”

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.