27 novembre 2017 - Rimini, Politica

Consiglio comunale senza sindaco, Lega: "Ormai è la regola"

"Disertare perennemente il consiglio comunale è un affronto a Rimini e ai suoi cittadini”

Rimini, consiglio comunale ancora senza il Sindaco. Gnassi e la Lisi ‘desaparecidos’. Galli (LN): “ormai è la regola. Menefreghismo della Giunta alle stelle”

A.a.a. cercasi Sindaco di Rimini in consiglio comunale: “non si contano più le volte che il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi è mancato al consiglio comunale della sua città. Probabilmente lo reputa talmente noioso per gli argomenti da trattare e inutile in termini di tempo, che nove volte su dieci preferisce disertarlo”. A chiamare in causa “per ingiustificato assenteismo” il primo cittadino del Pd di Rimini, Andrea Gnassi, è il segretario provinciale del Carroccio, Bruno Galli, che non tollera più “la totale mancanza di rispetto di questo sindaco nei confronti di cittadini e consiglieri di opposizione. Possiamo ben capire che a pochi mesi dalle prossime elezioni politiche gli impegni non gli manchino” – attacca Galli – “ma riteniamo che ci siano delle priorità e i riminesi sono tra queste. Disertare perennemente il consiglio comunale è un affronto a Rimini e ai suoi cittadini.”
Gnassi, non presente in aula giovedì scorso per ‘impegni istituzionali’ in Cina, è in ottima compagnia in termini di numero di assenze.

“Ancora una volta infatti mancava in consiglio comunale il vicesindaco Gloria Lisi che, da buon compagno, non fa mancare il proprio sostegno al sindaco Gnassi e sempre più spesso lascia la propria sedia vuota in consiglio”. “Entrambi oltretutto – conclude il segretario della Lega – quando ci sono, mostrano un atteggiamento da bar sport, menefreghista e arrogante. Piuttosto che girare per il mondo, Gnassi dovrebbe imparare l’educazione.”

Tag: Lega Nord

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.