16 ottobre 2017 - Rimini, Cronaca

Prevenzione del rischio idrogeologico, l’assessore all’Ambiente Anna Montini scrive al Consorzio di Bonifica

Per sapere il programma di interventi per il territorio di Rimini

“Prevenzione e programmazione sono le parole chiave per limitare i disagi e le criticità che possono derivare da eventuali, ma purtroppo sempre più frequenti, eventi meteorici intensi, come piogge torrenziali o ‘bombe d’acqua’.

Per questo motivo abbiamo chiesto al Consorzio di bonifica di sapere se e quali interventi sono in programma per quanto di loro competenza sul territorio extra urbano, anche alla luce dei tanti investimenti fatti dall’Amministrazione comunale sul fronte della tutela del territorio”. Da questo presupposto nasce la lettera che l’assessore all’Ambiente del Comune di Rimini Anna Montini ha inviato alla presidenza del Consorzio di Bonifica della Romagna nei giorni scorsi, per sapere il piano di interventi previsto per il territorio comunale.  

Proprio in considerazione delle diverse situazioni di emergenza che hanno interessato il riminese negli ultimi anni a seguito di piogge intense, l’Amministrazione si è attivata su più fronti, sia attraverso opere infrastrutturali a breve termine per far fronte nell’immediato alle situazioni di maggiori criticità, sia mettendo a punto nuove prassi per la manutenzione e la gestione del reticolo idrografico. In particolare, l’Amministrazione ha provveduto alla realizzazione della vasca di laminazione Ausa e dell’impianto idrovoro, dello scolmatore di acque bianche a Vergiano e in via Santa Maria in Cerreto, nella zona di Gaiofana. Inoltre è stato istituito un tavolo tecnico con i vari Enti competenti, tra i quali lo stesso Consorzio di Bonifica, che ha portato alla redazione e approvazione nella primavera del 2016 del “Regolamento comunale sulla gestione dei suoli a prevenzione del rischio idrogeologico e a tutela del territorio”, strumento che è servito per approfondire e migliorare la conoscenza del territorio comunale ed in particolare del reticolo idrografico minore (la rete di fossi interpoderali, fossi stradali), fondamentale per prevenire le criticità e definire un programma di interventi infrastrutturali efficaci e risolutivi.

“Vista la conformazione del reticolo di bonifica nel territorio comunale nel quale la parte terminale dei canali consortili in ambito urbano risulta essere tombinato, svolgendo, quindi, anche funzioni di pubblica fognatura, si riscontra che tutti gli oneri di manutenzione ordinaria e straordinaria di tali tratti risultano posti a carico all’Amministrazione Comunale – si legge nella lettera inviata al Consorzio -  nonostante i cittadini residenti in ambito urbano contribuiscano con il contributo di bonifica”.

Dovendo far fronte anche al presidio dell’ambito extra urbano con la realizzazione ad esempio di vasche di laminazione o casse di espansione e di canali scolmatori delle acque (es. progetto per la fossa Barattona) “si sottolinea che per tali interventi, per i quali la competenza non può essere posta in capo al Comune, si rimanda agli organi deputati a tale scopo, quali il Consorzio di Bonifica”. Da qui la richiesta dell’assessorato all’Ambiente di conoscere gli interventi che il Consorzio intende portare a termine per le prossime annualità, anche alla luce della recente approvazione del bilancio dell’ente e dell’aggiornamento del Regolamento irriguo.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.