11 ottobre 2017 - Rimini, Economia & Lavoro

Fallimento Aeradria Spa

Messa in mora e diffirda da parte di Comune e Rimini Holding verso gli amministratori

Nell’ambito del fallimento di Aeradria spa, il Comune di Rimini e la sua controllata Rimini Holding hanno deciso di intraprendere azioni di messa in mora e diffida nei confronti degli Amministratori e degli organi di controllo della società fallita e nei confronti degli Amministratori degli Enti soci.

Nel corso di questi mesi il Comune e Rimini Holding spa si sono posti il tema di assicurare la più ampia tutela della posizione e degli interessi degli Enti nell’ambito della complessa vicenda del fallimento di Aeradria spa, vicenda che, com’è noto, è oggetto di procedimenti giudiziari sia in sede civile, promossi dalla Curatela nei confronti del Comune di Rimini e di Rimini Holding, sia in sede penale, con il coinvolgimento sia degli Amministratori e organi di controllo della fallita società sia degli Amministratori degli Enti soci.

Il Comune di Rimini e Rimini Holding, avvalendosi anche della specifica consulenza di uno studio legale, hanno condotto valutazioni e approfondimenti in ordine alle più opportune e utili azioni da intraprendere, all’esito dei quali, è stata ritenuta la necessità di intraprendere azioni di messa in mora e diffida.

Considerati i tempi  sia del giudizio civile -  in ordine al quale il Comune di Rimini e Rimini Holding comunque ribadiscono il loro convincimento che le domande svolte dalla Curatela del fallimento Aeradria non siano fondate - sia di quello penale, gli Enti hanno ritenuto  necessario adottare i predetti atti di messa in mora e diffida, oltre che nei confronti di Amministratori e organi di controllo della società fallita, anche nei confronti di Amministratori degli Enti soci; e ciò al fine di interrompere qualsivoglia termine di prescrizione e/o decadenza e tenere così indenne Comune di Rimini e Rimini Holding sia per l’ipotesi  di danno patrimoniale prodotto alla redditività e al valore della partecipazione per responsabilità da fatto illecito (ai sensi dell’art. 2043)  sia per l’ipotesi di  condanna degli Enti per l’attività di direzione e coordinamento nei confronti di Aeradria spa (ai sensi dell’art. 2497), e comunque in ogni ipotesi di pregiudizio diretto o indiretto subito dagli Enti per responsabilità dei predetti soggetti.

Nei prossimi giorni inoltre, sarà trasmessa alla Corte dei Conti, per quanto di competenza di tale Magistratura, segnalazione sulle azioni intraprese e sullo stato della vicenda del fallimento di Aeradria spa.

Tag: Aeradria

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.