2 ottobre 2017 - Rimini, Turismo

A TTG Incontri, il principale marketplace del turismo, riflettori puntati sui borghi d'Italia

Sono un'opportunità per il rilancio del settore. Inaugurerà il ministro Franceschini

L’approvazione della legge Salva Borghi, approvata in via definitiva dal Parlamento nei giorni scorsi, è solo l’ultima, in ordine di tempo, delle iniziative che pongono i piccoli comuni italiani al centro dell’azione di governo e istituzioni.

Anche a TTG Incontri, il principale marketplace dell’industria turistica nazionale e internazionale (Fiera di Rimini, 12 – 14 ottobre 2017, sotto le insegne di Italian Exhibition Group) i riflettori saranno puntati su un segmento riconosciuto sempre più come punto di forza nell’ambito dell’offerta turistica nazionale.

 

Giovedì 12 ottobre si svolgerà nell’ambito di TTG Forum la Conferenza sui Borghi d’Italia, a cura del FAI, dal titolo La valorizzazione del Genius Loci dei borghi italiani: esperienze turistiche e narrazione del territorio.

 

L’edizione di quest’anno di TTG Incontri (la 54a) sarà aperta dal ministro dei Beni culturali e del Turismo Dario Franceschini che ha fortemente sponsorizzato l’iniziativa del Mibact di dichiarare il 2017 Anno dei Borghi italiani. Anche l’Enit, l’Agenzia del turismo italiano, è in prima fila con il progetto “Borghi d’eccellenza” e attraverso l’hashtag #italianvillages nella promozione di un’Italia meno conosciuta ma dal grande potenziale turistico. Proprio ieri si è conclusa l’iniziativa targata Enit “Sali a borgo”, una tre giorni volta alla valorizzazione itinerante delle bellezze custodite nei paesi del Centro Italia.

Sono 5568 in Italia i borghi al di sotto dei 5000 abitanti (il 69,8% dei comuni). In termini di trend, i movimenti turistici sono tornati a crescere nel 2015 e ancor di più nel 2016, dopo tre anni di calo. Il periodo 2010-2016 ha visto un aumento del 3,3% delle presenze e del 14,4% degli arrivi. Nel 2016 la stima degli arrivi è di 21,3 mln per quasi 90 mln di presenze (pari a 18,6% e 22,3% del totale).

La Valle d’Aosta è la regione con il maggior numero di borghi (98,7%) seguita da Molise, Piemonte e Trentino. Per quanto riguarda l’offerta ricettiva, sono 51.000 gli esercizi presenti, per 1,4 mln di posti letto. Tra 2010-15 i posti letto nei borghi italiani sono aumentati del +2,3%, con un ritmo di crescita media dello 0,5% annuo. La Puglia è la regione dove l’offerta ricettiva nei borghi è cresciuta di più (+24,7%), seguita da Marche e Toscana. (Fonte Centro Studi Turistici di Firenze).

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.