4 maggio 2017 - Rimini, Politica

Meno di 48h al consiglio comunale sulla vertenza nomadi

Morrone (LN): “Gnassi sposti il consiglio in un luogo adatto ad accogliere più cittadini possibili. Si favorisca un confronto condiviso”

Si scaldano gli animi in vista del dibattito di domani sera sul futuro del campo di via Islanda e ad avanzare una richiesta precisa al primo cittadino riminese è il segretario nazionale della Lega Nord, Jacopo Morrone, che sollecita Gnassi “a spostare per l’occasione in un'altra sala, più capiente, il consiglio comunale di domani.” “Sono previste centinaia di persone, tra membri del comitato e semplici cittadini” – prosegue Morrone definisce il tema delle aree rom “un progetto delicato e controverso”. “Per questo motivo credo sia opportuno trovare una soluzione alternativa al canonico salone comunale per dare l’opportunità a tutti di partecipare e inserirsi, con i dovuti tempi e modi, nei momenti del dibattito.”
Morrone riserva un ultimo auspicio in relazione alle “recenti defezioni in aula dell’Amministrazione Gnassi”. “Mi auguro che domani sera nessuno manchi all’appello o maturi gli ennesimi ritardi, a cominciare dal sindaco Andrea Gnassi” – conclude Morrone – “troppo spesso lui o la Lisi si sono dati di nebbia per evitare un confronto diretto con i riminesi. Domani hanno l’occasione di riscattarsi dando prova della volontà di questa Giunta di invertire la rotta e ascoltare finalmente i propri cittadini.”

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.