23 febbraio 2017 - Rimini, Cronaca, Politica

Rimini, emergenza rom. Si allarga la protesta

Zoccarato (LN): «Gnassi getti la spugna. Non c’è soluzione che tenga. Tutta Rimini in rivolta»

All’indomani dell’acceso dibattito svoltosi l'altro ieri sera nel quartiere Primo Maggio
e incentrato sull’annosa questione dei campi nomadi, il consigliere comunale
della Lega Nord, Matteo Zoccarato parla di «protesta dilagante che non accenna a
fermarsi. Con più di 500 firme raccolte in una settimana e la massiccia presenza
di cittadini e residenti all’incontro di ieri sera, il messaggio lanciato dal
quartiere Primo Maggio è chiaro: nessun nucleo nomade o sinti in questa zona.
Nessun cedimento su questo categorico rifiuto.»
«La task force di maggioranza volta all’individuazione delle famose microaree
sui cui distribuire i nuclei rom e sinti non sa più che pesci pigliare; dopo il
NO dei comitati di quartiere di Gaiofana, Grottarossa e Corpolò, oggi è la volta
della frazione Villaggio Primo Maggio, che è pronta a dare battaglia rispedendo
al mittente le lusinghe dell’Amministrazione Gnassi. E noi – chiosa Zoccarato –
siamo e saremo al loro fianco.»
«Tutta Rimini è sul piede di guerra mentre, a fronte dell'assordante silenzio
del primo cittadino, dagli scranni di palazzo Garampi si continua a mettere in
scena questa patetica pantomima. Il messaggio è chiaro – conclude il consigliere
del Carroccio – nessun cittadino è disposto a mettere mano al portafogli,
ipotecando la sicurezza e la tranquillità dei propri quartieri, per soddisfare i
grotteschi progetti di integrazione del vice sindaco Gloria Lisi»

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.