20 settembre 2019 - Riccione, Cronaca, Cultura

L'Atlante umano romagnolo di Giampiero Corelli al Museo della Citttà

Domenica 22 settembre inaugurazione della mostra con gli scatti del progetto "Dante Esule"

RIMINI, 20 settembre 2019 – Dopo la presentazione, sabato 21 settembre (ore 17), a Ravenna (piazzale Terminal Container di via Classicana 105), arriva domenica a Rimini il progetto Dante Esule 2019 – Atlante Umano Romagnolo, del fotoreporter ravennate Giampiero Corelli. Un progetto che nella sua articolazione complessiva si inserisce nella programmazione di Viva Dante 2019, il fitto calendario di appuntamenti che la città di Ravenna dedica al Sommo Poeta per prepararsi al settimo centenario della morte, che avverrà nel 2021. Domenica 22 settembre (ore 17), al Museo della Città di Rimini, sarà inaugurata la mostra Dante Esule - Atlante Umano Romagnolo affiancata dalla sezione Dante Esule: Antologica 2015-2019 che ripercorre le precedenti tappe del progetto, avviato nel 2015 con l’intento di proporre un percorso contemporaneo ispirato a Dante e al suo esilio, sia in senso reale, biografico, che metaforico. La mostra, che rimarrà aperta fino al 20 ottobre, è inclusa nel programma di Rimini Foto d’autunno, evento organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Rimini.

L’inaugurazione e la visita alla mostra, allestita nell’Ala Nuova del Museo della Città, sarà preceduta da una breve presentazione del progetto Dante Esule, cui seguirà la performance di danza Alati senza quota della compagnia Il Tempo Favorevole (Barbara Martinini, Veronika Aguglia, Marinella Freschi) nella Sala del Giudizio del Museo.

Dalle 15 alle 19, invece, in Piazzale Fellini sarà possibile visitare l’autobus di Start Romagna con allestimento fotografico di Giampiero Corelli dedicato alla comunità Sinti di Misano Adriatico e ascolto di Terreno Sinti di Isabella Bordoni. Terreno Sinti è l’esito in forma di audio documentario di un lavoro di adesione e testimonianza, con il quale l’autrice ha affiancato il progetto partecipativo Misano per l’inclusione sociale: progetto sperimentale per la coesione e l’inclusione sociale della popolazione Sinti che il Comune di Misano Adriatico ha condotto da settembre            2017 a            febbraio 2018. Sabato 28 settembre sarà al centro di un pomeriggio di incontro intorno alla lingua che avrà luogo a Misano Adriatico, in collaborazione con l’amministrazione comunale (inizio ore 17 nel cortile della Biblioteca Comunale, quindi ci si sposterà al terreno di Misano Monte per narrazioni e un piccolo convivio).

Dante Esule – Atlante Umano Romagnolo è l’esito di un viaggio compiuto nei mesi scorsi nei territori romagnoli segnati dalla presenza dantesca, in cerca di "esuli del nostro tempo" in senso lato: eccentrici, artisti, libertari. Tra protagonisti del lavoro, anche alcuni degli abitanti di Mutonia (Nikki, Andy, Lyle), a Santarcangelo di Romagna, incontrati nel corso dell’attraversamento del territorio della Valmarecchia dove la presenza dantesca è evocata anche dalla voce di Tonino Guerra. Il viaggio di Dante Esule 2019 ha preso avvio dall’Appennino forlivese, per la precisione dall’ex borgo di Pian Baruccioli (nella Piana dei Romiti), villaggio eco autosufficiente che si trova a due ore di cammino lungo il percorso dell'Acquacheta: territorio citato da Dante nel canto XVI dell'Inferno e da lui attraversato. Tra gli incontri, oltre a quello con gli abitanti del villaggio Sinti di Misano Adriatico, quello con le monache di clausura che dal convento di Faenza si sono spostate nell’eremo di Montepaolo (Forlì), e poi con artisti e artigiani che con la propria arte e passione continuano a seguire, mai domi, le “voci dell’anima”. Come Stefano Sabbatini Visconti, cantante e poeta che ha pubblicato in passato con Dario Bellezza e Alda Merini e che oggi continua a comporre canzoni. E come Luigi Foscolo Lombardi, liutaio di Dovadola erede di una famiglia di costruttori di strumenti da tre generazioni: suo padre riuscì addirittura a costruirsi un violino nel deserto libico, durante la guerra, mentre era prigioniero degli Alleati.

Nell’Ala Nuova del Museo della Città di Rimini sarà in mostra anche una sezione antologica del progetto, con i lavori Dante Esule dal 2015 ad oggi: il percorso di Giampiero Corelli è partito infatti quattro anni fa con un viaggio tra i migranti sul territorio italiano, è continuato nel 2016 con un lavoro in chiave green su Gioachino da Fiore e San Francesco d'Assisi, nel 2017 si è spostato a Riace (in mostra anche un ritratto dell'ex sindaco Mimmo Lucano, incontrato di nuovo un paio di mesi fa), mentre nel 2018 la metafora dell’esilio si è intrecciata con il dramma dei femminicidi.

La “carovana” di Dante esule 2019 sarà il 5 ottobre Portico di Romagna (Forlì-Cesena) e il 3 novembre a Bagnacavallo (Ravenna) dove è in programma un convegno dal titolo "Esuli dal nostro tempo: identità rare e perdute della terra di Romagna tra Dante e oggi" e sarà inaugurata la mostra fotografica Dante Esule: Antologica 2015-2019, visitabile fino al 30 novembre.

Il progetto Dante esule 2019 – Atlante Umano Romagnolo si avvale del patrocinio e del contributo del Comune di Ravenna, e del patrocinio dei Comuni di Rimini, Bagnacavallo, Portico e San Benedetto, Misano Adriatico e Santarcangelo di Romagna. E’ reso possibile grazie al sostegno del Comune di Ravenna, Start Romagna, Romagna Acque – Società delle Fonti, Terminal Container Ravenna (TCR), Sapir.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.