4 ottobre 2016 - Riccione, Cronaca

Escort “sponsorizzata” da albergatori e ristoratori

Giovane “professionista” ungherese scappa con un bottino da 5 milioni di euro

 

 

RICCIONE - Il tutto è partito da una segnalazione anonima arrivata in procura. Da lì hanno preso avvio le indagini che hanno portato all’individuazione di albergatori e ristoratori che promuovevano “servizi particolari” e aggiuntivi ai propri clienti, caldeggiando una visitina ad una escort che col tempo si è creata una certa reputazione.

 

Attraverso intercettazioni telefoniche si è riusciti a ricostruire l’intera faccenda. L’escort, una donna ungherese, veniva “sponsorizzata” da imprenditori locali ad un pubblico selezionatissimo fatto di manager, direttori generali e pezzi grossi di case di moda. I ristoratori e gli albergatori finiti nella rete degli inquirenti sono stati indagati per favoreggiamento della prostituzione.

 

Trecento euro ad appuntamento, questo sarebbe il costo base dei “servizi” offerti dall’avvenente escort che incontrava i clienti in camere d’albergo ed Hotel di lusso non solo nel territorio riminese. Si parla di un giro d’affari da circa 5 milioni di euro, depositati in una banca del Titano che la ragazza avrebbe prelevato un po’ per volta prima di darsi alla macchia.

Venuta a sapere che Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate l’avevano presa di mira l’ungherese ha fatto perdere le proprie tracce

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.